Stati Uniti – Le utilities spingono la produzione industriale a ottobre

La produzione industriale è cresciuta in ottobre, spinta da un rimbalzo nelle utilities e da incrementi di attività di produttori di computer ed elettronica. L’incremento dello 0.2 per cento ha fatto seguito al calo dello 0.6 per cento di settembre. Il tasso di utilizzo della capacità produttiva è cresciuto all’82.2 per cento, dall’82.1 per cento di settembre. Temperature piuttosto fresche rispetto alla normale stagionale hanno incrementato la domanda di riscaldamento, ed i produttori di computers hanno beneficiato di maggiori ordini da rinnovo dell’installato da parte delle aziende.La produzione manifatturiera, che incide per circa i quattro quinti della produzione industriale, è diminuita dello 0.2 per cento per il secondo mese consecutivo in ottobre, riflettendo il calo della produzione di auto, al netto della quale la produzione di fabbrica è cresciuta dello 0.1 per cento, dopo il calo di pari magnitudine di settembre. Le stime di consenso ipotizzavano un incremento della produzione industriale dello 0.3 per cento. Tra le componenti del dato aggregato, la produzione delle utilities è balzata del 4.1 per cento, massimo da febbraio, quella mineraria dello 0.6 per cento, quella di beni d’impresa dello 0.7 per cento, guidato da un incremento dell’1.2 per cento nella produzione di computer, e del 2.5 per cento in quella dei semiconduttori. La produzione di auto e parti è diminuita del 3.9 per cento. La produzione di beni di consumo durevoli, incluse auto, arredamento ed elettronica, è calata del 2.6 per cento in ottobre, con il rallentamento dell’immobiliare che sta iniziando a influire negativamente sugli articoli di uso domestico.

Annunci