Stati Uniti – Investimenti più deboli in novembre, ma i consumatori resistono

Gli ordini di beni durevoli sono aumentati in novembre pur in presenza dell’indebolimento della domanda di beni d’impresa. L’incremento dell’1.9 per cento riflette maggiori ordini per velivoli civili ed attrezzature militari, ed è successivo al calo dell’8.2 per cento registrato in ottobre. Al netto dei mezzi di trasporto gli ordini sono diminuiti dell’1.1 per cento, dopo il meno 1.6 per cento del mese precedente. Le stime di consenso ipotizzavano un incremento dell’1.3 per cento complessivo e dell’1 per cento al netto dei mezzi di trasporto.

Gli ordini di beni capitali non destinati alla Difesa, esclusi velivoli, una proxy della futura attività d’investimento, sono diminuiti dell’1.4 per cento nel mese, dopo il calo del 3.9 per cento in ottobre. Si tratta del primo calo bimestrale da febbraio-marzo 2005. Continua a leggere “Stati Uniti – Investimenti più deboli in novembre, ma i consumatori resistono”

Annunci

Stati Uniti – Pil del terzo trimestre, si conferma il rallentamento

La crescita economica negli Stati Uniti è rallentata nel terzo trimestre al passo più lento dell’ultimo anno, trascinata al ribasso dal maggior declino nelle costruzioni residenziali degli ultimi 15 anni. La crescita del prodotto interno lordo è stata pari al 2 per cento annualizzato, meno del 2.2 per cento della precedente stima e del 2.6 per cento nel secondo trimestre. Le costruzioni residenziali hanno subito la peggior contrazione dal 1991 e la spesa dei consumatori per servizi sanitari è stata inferiore alla precedente stima. La spesa dei consumatori è cresciuta del 2.8 per cento, contro il 2.9 per cento della stima di novembre e 2.6 per cento nel secondo trimestre. L’indice dei prezzi per la spesa per consumi personali è cresciuta del 2.4 per cento, come nella stima precedente. Al netto di alimentari ed energia l’incremento è stato del 2.2 per cento, da 2.7 per cento del trimestre precedente. Continua a leggere “Stati Uniti – Pil del terzo trimestre, si conferma il rallentamento”

Stati Uniti – Balzo dei prezzi alla produzione, rimbalzo dei nuovi cantieri

Il numero di nuovi cantieri è rimbalzato in novembre dal minimo degli ultimi sei anni, mentre le licenze edilizie sono diminuite nello stesso mese al minimo da nove anni, suggerendo che la debolezza nel mercato immobiliare persisterà anche nel nuovo anno. I nuovi cantieri sono aumentati al passo annualizzato di 1,588 milioni, con un incremento del 6.7 per cento rispetto agli 1,488 milioni di ottobre, ed attese per 1,540 milioni. Il numero di nuove licenze è diminuito del 3 per cento, al passo di 1,506 milioni, minimo da dicembre 1997, ed attese per 1,54 milioni. Le condizioni climatiche di ottobre possono tuttavia aver differito alcuni avvii a novembre, spingendo il dato di novembre assieme a più attrattive condizioni di vendita da parte dei costruttori ed alla discesa dei tassi sui mutui ipotecari. La scorsa settimana il tasso medio su mutui trentennali è stato del 6.12 per cento, prossimo ai minimi da gennaio. I minori tassi hanno spinto le domande di finanziamento ipotecario la scorsa settimana al massimo da oltre un anno. L’indice di fiducia dei costruttori e degli agenti immobiliari, in due degli ultimi tre mesi, ha iniziato a mostrare un aumento dell’ottimismo.    Continua a leggere “Stati Uniti – Balzo dei prezzi alla produzione, rimbalzo dei nuovi cantieri”

Area Euro – Fiducia delle imprese tedesche a nuovi massimi

La fiducia delle imprese tedesche è aumentata inaspettatamente in dicembre, come segnalato dall’indice IFO, basato sulle risposte di 7.000 dirigenti aziendali, che si è portato al livello di 108.7, massimo dal 1990, contro attese per un invariato al livello di 106.8. Sembrano quindi prendere sostanza le attese sulla capacità dell’economia tedesca a far fronte all’aumento di tre punti percentuali dell’imposta sul valore aggiunto, che scatterà dal primo gennaio, anche grazie all’effetto compensativo di minori costi del petrolio, maggiore export e spesa dei consumatori. Circostanza che può incoraggiare la Banca centrale europea a proseguire nella restrizione monetaria anche all’inizio del prossimo anno. Il 14 dicembre l’istituto di ricerca IFO ha predetto una crescita del 2.5 per cento per l’economia tedesca quest’anno, massimo dall’anno 2000, e dell’1.9 per cento nel 2007, rivedendo al rialzo la precedente stima di più 1.7 per cento.

Continua a leggere “Area Euro – Fiducia delle imprese tedesche a nuovi massimi”

Stati Uniti – Sorprese positive dall’inflazione di novembre

I prezzi al consumo sono rimasti invariati in novembre per il terzo mese consecutivo. Le previsioni erano per un incremento dello 0.2 per cento complessivo. Anche l’indice al netto di alimentari ed energia ha fatto segnare una variazione mensile nulla, contro attese per un incremento dello 0.2 per cento. Un rapporto separato del Labor Department segnala un aumento delle retribuzioni reali medie settimanali pari allo 0.2 per cento, dopo il più 1.3 per cento di ottobre. Su base annuale, i prezzi al consumo sono aumentati del 2 per cento complessivo e del 2.6 per cento core, il minore da giugno, da 2.7 per cento in ottobre.

Continua a leggere “Stati Uniti – Sorprese positive dall’inflazione di novembre”

Giappone – Ottimismo delle imprese ai massimi da due anni

La fiducia tra i maggiori produttori manifatturieri è cresciuta in dicembre al massimo degli ultimi due anni, alleviando il timore di una perdita di momentum da parte della seconda economia mondiale. Il Tankan trimestrale, che rileva il sentiment delle aziende, ha mostrato un aumento della fiducia dei grandi manifatturieri al livello di 25, in linea con le attese, da 24 in settembre, mentre l’indicatore di aspettative è migliorato da 20 a 22. Tra le imprese di servizi (dal credito all’immobiliare), il sentiment è cresciuto oltre le attese: 22 contro 20, mentre le attese si sono lievemente ridimensionate, da 21 a 20. I grandi produttori manifatturieri pianificano di aumentare la spesa del 12.4 per cento nell’anno che terminerà il 31 marzo, il passo più rapido dal 1991, e sopra la stima di più 11.5 per cento prevista in settembre. Il dato sul buon andamento del settore dei servizi è confermato dall’indice del terziario, che in ottobre ha registrato un aumento del 2.1 per cento mensile, da meno 1.2 per cento ed attese poste a più 1.2 per cento. Continua a leggere “Giappone – Ottimismo delle imprese ai massimi da due anni”

Regno Unito – Continua la crescita delle vendite al dettaglio

Le vendite al dettaglio sono inaspettatamente aumentate in novembre per il secondo mese consecutivo. L’incremento è pari allo 0.3 per cento dopo quello dell’1 per cento di ottobre, rivisto al rialzo dall’iniziale più 0.9 per cento. Su base annuale, le vendite sono aumentate del 3.2 per cento. Il trend rialzista delle vendite al dettaglio appare quindi solido, anche grazie alla creazione di nuova occupazione ed allo sviluppo del reddito. Tra le tipologie merceologiche, i retailers online e le vendite da catalogo, che rappresentano circa il 5 per cento delle vendite complessive, hanno guidato l’incremento dei volumi in novembre, con un progresso mensile del 2.9 per cento, probabilmente anche per effetto di anticipazione degli acquisti nel timore di mancata consegna nei tempi della festività.

Continua a leggere “Regno Unito – Continua la crescita delle vendite al dettaglio”