Scosse di assestamento o segnali precursori?

Le notizie di problemi in qualche modo correlati all’esplosione delle insolvenze nei segmenti più rischiosi del mercato immobiliare USA continuano ad emergere. Il terremoto dei “sub-prime mortgage” negli USA è contenuto e queste notizie sono soltanto “scosse di assestamento”, oppure siamo soltanto all’inizio?

Harley-Davidson ha appena riportato l’aumento dei mancati pagamenti per la sua divisione finanziaria – sì, anche Harley ne ha una, che ha contribuito al 13% dell’utile nel 2006. Adesso, l’andamento del tasso d’insolvenza minaccia dividendi e profittabilità del produttore di motociclette

Standard & Poors, nel frattempo, annuncia che i problemi nel settore della casa potrebbero riflettersi sui prestiti concessi per l’acquisto di automobili. Non credo che GM e Ford, o lo sterminato indotto dell’industria automobilistica in generale, faranno salti di gioia a queste notizie.

In fondo, si tratta di un evento razionale: per chi non riesce a pagarsi la rata del mutuo, saltare quella dell’automobile o ancora di più della Harley non deve costituire un dilemma morale particolarmente grave. Quali altre spese verranno tagliate? Quali settori subiranno un contagio?
Su di un fronte più ampio, il gruppo editoriale cui fa capo il quotidiano USA Today subisce un calo del 14% nel fatturato pubblicitario per il mese di Febbraio. Il settore che ha ridotto maggiormente la spesa pubblicitaria? L’immobiliare, ovviamente, ma il malessere sembra diffondersi.

Un ultimo avvertimento: prima di vendervi ogni singola azione che possedete, è necessario ricordare due elementi.
Il primo: stiamo parlando degli USA e soltanto degli USA, al momento. Nel resto del mondo, le cose sembrano ancora reggere e negli stessi Stati Uniti il settore manifatturiero non collegato all’edilizia sembra essere in buona forma .
Il secondo: persino negli USA, l’andamento del mercato immobiliare non è mai stato ben correlato con quello azionario: al contrario, il boom immobiliare del 200-2002 avvenne nel pieno del mercato Orso – secondo qualcuno, proprio a causa di quel crollo, che spinse gli americani a cercare altri sbocchi per investire i propri risparmi.

Annunci