Germania – Crescita oltre le attese

L’economia tedesca è cresciuta nel primo trimestre oltre le previsioni, per effetto dell’aumentata spesa aziendale per soddisfare gli ordini all’export e dell’inverno più caldo dall’inizio delle rilevazioni, che ha spinto il settore delle costruzioni. Il prodotto interno lordo è cresciuto nel trimestre dello 0.5 per cento, dopo il più 1 per cento del periodo ottobre-dicembre. Nel frattempo, la fiducia delle imprese ha segnato in aprile il secondo miglior risultato di sempre, ed il tasso di disoccupazione ha retto al minimo degli ultimi sei anni. L’aumento di tre punti percentuali dell’Iva, lo scorso 1 gennaio, sembra quindi essere stato assorbito senza problemi dall’economia tedesca. Il mese scorso il governo di Berlino ha alzato le stime di crescita per il 2007 da 1.7 a 2.3 per cento, dopo il più 2.8 per cento di crescita per l’intero 2006.

In Area Euro, l’economia francese è cresciuta nel primo trimestre dello 0.5 per cento, meno delle attese, poste a più 0.7 per cento, mentre in Italia la crescita del trimestre è stata dello 0.2 per cento, come da stime. Ieri la Spagna ha comunicato una crescita del pil pari all’1 per cento trimestrale e al 4 per cento annuale. Per l’intera Area Euro la crescita del primo trimestre è quindi dello 0.6 per cento, e del 3.1 per cento su base annua.

Per l’Ufficio Federale di Statistica la crescita tedesca è stata guidata dalla prosecuzione del brillante andamento degli investimenti, oltre che da positivi impulsi dall’export netto, su base annuale. L’inverno più caldo dall’inizio delle statistiche sulle temperature, nel 1901 (4.1 gradi oltre la media mensile) ha spinto l’attività e le assunzioni nel settore delle costruzioni.

Finora, il passo di crescita sta dando alle aziende margini di manovra per alzare prezzi e salari, e la Banca Centrale Europea ha già annunciato di essere pronta ad alzare il tasso-chiave di politica monetaria al 4 per cento, dall’attuale 3.75 per cento, già al suo prossimo meeting, in giugno. Il tasso implicito nel contratto euribor future per dicembre è oggi al 4.38 per cento. Considerato che, storicamente, tale tasso implicito è stato superiore al tasso-chiave della Bce di 16 punti-base, ciò suggerisce che il mercato si attende, entro fine anno, un aumento dei tassi ufficiali al 4.25 per cento.

Annunci