Delphi pianifica l’uscita dalla bancarotta

Una buona notizia, fra molte preoccupanti: Delphi potrebbe uscire dalla bancarotta entro il 2007.

L’ex divisione di componenti per auto di General Motors, diventata un’azienda indipendente, era finita in Chapter 11 nel 2005, durante la fase più acuta della crisi delle case automobilistiche americane. Oggi ha annunciato di aver accettato l’offerta di Appaloosa Management LP e di un consorzio di banche e fondi d’investimento per un investimento di 2.55 miliardi di dollari di denaro fresco e di aver raggiunto un accordo fra le varie classi di creditori per ripagare in azioni i debiti pregressi.

Nei prossimi giorni, Delphi presenterà il piano di ristrutturazione al Tribunale fallimentare competente per il caso: insieme alla rinegoziazione dei contratti dei dipendenti, ottenuta dai sindacati, l’accordo potrebbe permettere all’azienda di uscire dalla procedura fallimentare entro fine anno.

I creditori riceveranno azioni in pagamento dei propri debit, mentre General Motors riceverà 2.7 miliardi di dollari in cambio della definitiva separazione delle due aziende. L’accordo dovrebbe salvaguardare i piani pensionistici dei dipendenti.

Annunci