Stati Uniti – Crescita oltre le attese nel terzo trimestre

La crescita statunitense è stata, nel terzo trimestre, del 3,9 per cento annualizzato, il massimo dal primo trimestre 2006, contro il 3,8 per cento del periodo aprile-giugno. Questi dati potrebbero aumentare l’incertezza sulle prossime mosse della Fed, riducendone la propensione ad ulteriori riduzioni dai tassi. L’indice core della spesa per consumi personali è cresciuto su base annuale dell’1,8 per cento, dopo l’1,4 per cento del precedente trimestre ed attese poste a più 1,5 per cento.

Tra le componenti del pil, la spesa dei consumatori è cresciuta al passo del 3 per cento, da 1,4 per cento del precedente trimestre, fornendo il principale contributo alla crescita, nella misura del 2,1 per cento. Apparentemente, la recessione immobiliare sembra non essersi ancora propagata ai consumi. Altra componente in crescita robusta nel trimestre è la spesa per investimento, a più 7,9 per cento annualizzato, sorretta dalle costruzioni commerciali e dagli acquisti attrezzature (a più 5,9 per cento annualizzato, massima crescita dal primo trimestre 2006) e software. L’incremento delle scorte ha contribuito alla crescita per lo 0,4 per cento. Contributo positivo alla crescita anche dal restringimento del deficit commerciale, che ha contribuito per 0,9 punti percentuali alla crescita del trimestre, grazie alla debolezza del dollaro ed alla decelerazione dell’import indotta dalla  precedente debolezza congiunturale statunitense. Il settore delle costruzioni residenziali continua ad essere il principale elemento di sottrazione alla crescita, stimata in un punto percentuale di contributo.

Annunci