Stati Uniti – Anche in marzo persi impieghi

Gli Stati Uniti hanno perso occupati in marzo, per il terzo mese consecutivo, mentre il tasso di disoccupazione è cresciuto al massimo da settembre 2005. I payrolls sono diminuiti di 80.000 unità, oltre le attese, dopo il calo di 76.000 in febbraio che è risultato maggiore di quanto inizialmente riportato, mentre la disoccupazione è cresciuta dal 4,8 al 5,1 per cento. La debolezza del mercato del lavoro si trasmette ai consumi, alimentando ulteriori riduzioni degli organici. Le stime di consenso ipotizzavano una distruzione netta di 50.000 impieghi. La revisione dei dati ha sottratto ulteriori 67.000 impieghi dalle cifre originariamente riportate per gennaio e febbraio. L’ultima volta in cui l’economia ha perso occupazione per tre mesi consecutivi è stato in coincidenza con l’inizio della guerra in Iraq, nel 2003. Il tasso di disoccupazione era previsto in aumento al 5 per cento.

Continua a leggere “Stati Uniti – Anche in marzo persi impieghi”