Stati Uniti – Crescita del primo trimestre rivista al rialzo

La seconda delle tre stime del pil statunitense del primo trimestre 2008 evidenzia una crescita annualizzata dello 0,9 per cento, dallo 0,6 per cento della prima stima. La revisione riflette un maggior restringimento del deficit commerciale rispetto alla stima del 30 aprile. Il deficit si è ristretto al livello annualizzato di 480,2 miliardi di dollari, il minimo dal terzo trimestre 2002. Il contributo dell’export netto al pil passa così dallo 0,2 allo 0,8 per cento. La spesa dei consumatori, che rappresenta oltre due terzi dell’economia, resta ferma ad un incremento dell’1 per cento annualizzato, come nella prima stima. Si tratta del minor incremento dalla recessione del 2001.

La revisione mostra anche un maggior incremento del reddito personale, del 5,1 per cento annualizzato sul trimestre precedente, rispetto ad una proiezione iniziale del 4,2 per cento. La crescita del primo trimestre sarebbe stata anche maggiore se non si fosse verificata una contrazione delle scorte superiore alla stima iniziale. Le aziende hanno tagliato le scorte al passo annualizzato di 14,4 miliardi di dollari, contro la stima precedente di un accumulo di 1,8 miliardi. Il dato aggiunge quindi alla crescita solo lo 0,2 per cento, contro lo 0,8 per cento della prima stima. La misura delle vendite finali (cioè pil meno scorte) diventa positiva per lo 0,7 per cento da negativa per lo 0,2 per cento.

Restano persistenti segni di rallentamento. Le vendite di auto sono calate in aprile al livello annualizzato di 14,4 milioni di unità, minimo dal 1998.

Annunci