Lehman BLotheLs?

Nella ridda di dati macroeconomici parzialmente contrastanti fra loro, continua la tempesta sul settore finanziario. La sensazione è che per ogni voce di salvataggio di una istituzione finanziaria, un’altra veda le proprie quotazioni cominciare a precipitare.
Annunci

Stati Uniti – Vendite al dettaglio deboli in agosto

Le vendite al dettaglio statunitensi sono inaspettatamente diminuite in agosto. Il calo dello 0,3 per cento segue la flessione dello 0,5 per cento (rivista al ribasso dall’originario meno 0,1 per cento). Al netto delle auto la contrazione è dello 0,7 per cento, peggior risultato dell’anno. La spesa dei consumatori è debole a causa di uno sviluppo dei salari frenato dal cattivo andamento del mercato del lavoro, e che non ha tenuto il passo dell’inflazione, oltre che per il progressivo venir meno degli effetti del recente stimolo fiscale. Ulteriori effetti depressivi dei consumi vengono dalla crisi dell’immobiliare e del mercato azionario, indicando che anche il recente ridimensionamento dei prezzi dei carburanti potrebbe non essere sufficiente a rivitalizzare la spesa. Le stime di consenso ipotizzavano un aumento complessivo dello 0,2 per cento, ed una flessione dello 0,2 per cento al netto delle auto. Elettronica, materiali da costruzione, abbigliamernto e department stores hanno tutti visto flessioni nelle vendite. Anche i ricavi delle stazioni di servizio sono diminuiti, a seguito dal calo del prezzo della benzina. Al netto dei carburanti, le vendite al dettaglio sono rimaste invariate in aogsto, dopo il calo dello 0,6 per cento di luglio.

Continua a leggere “Stati Uniti – Vendite al dettaglio deboli in agosto”