In trappola

Il governo federale si appresterebbe ad assorbire le perdite a cui AIG andrà incontro sui credit default swaps. Considerando che la società ha venduto protezione su oltre 300 miliardi di dollari di capitale nozionale (stima per difetto?) e che, in caso di default del credito sottostante, il venditore di protezione deve pagare all’acquirente il controvalore del nozionale, questo rischia di essere la materializzazione della più catastrofica contingent liabilty che mai si sia abbattuta sul bilancio federale statunitense. Un evento quasi scontato, a meno di causare il default verso le controparti (anche e soprattutto estere) di una entità ormai controllata dal governo degli Stati Uniti. Come direbbe qualcuno: be scared. Be very, very, scared.

Annunci