Mercati del Credito, commento di chiusura 8 luglio 2009

I timidi segnali positivi dal fronte degli indicatori tecnici non sono riusciti a contrastare l’influenza negativa del mercato azionario e l’aumento del nervosismo degli investitori  per l’inizio del periodo d’annuncio dei risultati aziendali del secondo trimestre.

L’attività è stata intensa sugli indici e sulle obbligazioni societarie, meno sui derivati su singoli nomi, segnalando come le preoccupazioni siano più legate ad un momento di debolezza che a una valutazione più sobria dei prossimi mesi: gli investitori stanno acquistando una generica protezione contro l’andamento del mercato, più che cercare di coprire rischi specifici.
Prosegue l’attività su Telecom Italia, a seguito della proposta del presidente di AGCom Calabrò di affidare la costruzione della nuova rete nazionale in fibra ottica ad una società partecipata da investitori professionali, statali e dagli operatori di telefonia.

Sul fronte del mercato primario, si segnala un aumento dell’attività: le utilities Verbund e  Suez Environment,  la società energetica BG Energy e il produttore automobilistico Peugeot hanno tutti portato emissioni di taglio medio grande , ben ricevute in generale dagli investitori.

L’italiana Finmeccanica sta lanciando in queste ore due bond in dollari:  500 milioni  a 10 anni e 300 milioni a 30 anni  ad un differenziale poco oltre i 3 punti percentuali sopra il tasso swap .

Itraxx S11 Levels
Livello Var.ne da ieri
Main 124.5 +5.3
HiVol 239.5 +7.0
Crossover 775.5 +13.0
Nota: Gli indici di credito sono quotati in spread (rendimento), come i tassi d’interesse. Un segno negativo equivale ad un miglioramento delle valutazioni del mercato, equivalente ad una salita degli indici di Borsa. Un cambiamento positivo è un segnale di peggioramento delle condizioni, equivalente al calo di un indice di Borsa.
Annunci