Dopo la tempesta. E prima della prossima

Dopo aver vissuto un paio di giorni prigionieri della paura e delle tensioni che arrivavano dal mondo dei governativi, sul mercato del credito è tornata ieri un po’ di tranquillità. L’indice sintetico Itraxx Xover è tornato sotto il livello di 450 mentre il Main è rientrato a quota 90 dopo una pericolosa escursione vicino alla soglia dei 100 punti base.

Difficile a credersi ma mentre qualcuno si interrogava sulla tenuta dei Btp, nel mondo degli High Yield addirittura venivano collocate varie operazioni di primario come Levi’s, Ziggo e Cirsa.

L’unico comparto che ha pagato pesantemente dazio è stato quello dei finanziari, un po’ su tutte le scadenze e livelli di subordinazione. I motivi sono evidenti come sono evidenti i rischi di ordine sistemico legati alla Grecia, ai Pigs e al debito sovrano.

Sul tema sono stati sprecati gia fiumi di inchiostro: non ci dilungheremo ulteriormente andando a ingrossare le schiere dei Guelfi garantisti e interventisti in nome del Bene Superiore o dei Ghibellini forcaioli in nome della Giustizia Divina: concedeteci invece un paio di piccole considerazioni fatte con gli occhi di chi si è sempre occupato di strumenti legati al credito: il debito in se non è il male assoluto. Ma per sostenere il debito bisogna esser credibili; il tema della credibilità è centrale, e forse molti in Europa oggi a livello istituzionale qualche domanda sul tema dovrebbero porsela.

A proposito di credibilità, diciamo che anche in questa occasione le agenzie di rating non hanno perso l’occasione per fare la consueta, magra figura. Come più volte ricordato, poco male, per il fatto in sé. Tanti problemi invece se si pretende di dare rilievo istituzionale a qualcosa che definire perfettibile è un cortese eufemismo.

Seconda considerazione: per potersi permettere il debito bisogna poter dimostrare di saper crescere. In Europa il problema non è quindi solo il debito: è il binomio mancato tra debito e capacita di crescita che può e deve spaventare. E purtroppo questo non si risolve con un annuncio o con un intervento concertato. Servirebbe ben altro. Intanto vediamo cosa riusciamo a metter insieme per questa piccola grande Odissea. Ad Maiora.

Annunci