Mercati del credito, apertura

L’avvicinarsi delle scadenze tecniche ed un rimbalzo dei mercati dopo la volatilità dei giorni scorsi concorrono ad un’apertura positiva per i mercati del credito europei.

Da un lato, le tensioni sul mercato dei cambi sembrano essersi ridotte, con l’euro in risalita verso 1.22 . Le aste dei titoli di Stato in Portogallo, Spagna ed Italia si sono svolte in maniera tranquilla e con risultati positivi, garantiti anche dalla moral suasion delle banche centrali nei confronti delle banche, spinte ad acquistare  titoli. I dati economici, sebbene contrastanti, non sono stati troppo negativi.

Dal punto di vista tecnico, l’avvicinarsi della scadenza tecnica del 20 Giugno per il mercato dei CDS sta esercitando la tradizionale pressione al ribasso per i differenziali di credito e quindi per la salita delle quotazioni, anche se il comparto dei titoli societari risente solo parzialmente di tale effetto tecnico positivo.  La mancanza di liquidità tipica dell’avvicinarsi del periodo estivo dovrebbe accentuare il trend positivo, almeno nel breve periodo.

Itraxx S13 Levels Nota: Gli indici di credito sono quotati in spread (rendimento), come i tassi d’interesse. Un segno negativo equivale ad un miglioramento delle valutazioni del mercato, equivalente ad una salita degli indici di Borsa. Un cambiamento positivo è un segnale di peggioramento delle condizioni, equivalente al calo di un indice di Borsa.
Livello Var.ne da ieri
Main 126 -3.5
HiVol 188 -4.5
Crossover 581.5 -3.0
Quotazioni del CDS a 5 anni di alcuni emittenti italiani
bps (0,01%) all’anno
Acea 113/123
AEM 105/113
Atlantia 87/97
CIR SpA 590/620
Edison 108/118
Enel 205/215
ENI 83/88
Fiat SpA 485/495
Terna 71/81
Telecom Italia 240/247
FIAT 485/495

Sovx           132/135
Greece         690/730
Portugal       275/295
Spain          200/220
Ireland        215/235
Italy          170/185

Annunci