Mercati del credito 15 Giugno 2010: Grecia, Spagna, Francia

Mercati del credito in lieve flessione dopo la serie di notizie negative durante la serata di ieri e la prima mattinata:  Moody’s declassa la Grecia, ma le notizie dalla Spagna sono altrettanto deprimenti.  Nel frattempo, la Francia ha annullato l’asta di titoli di stato  in programma per Agosto.

L’azione di Moody’s sulla Grecia era almeno parzialmente attesa ed ha ribadito quello che è da tempo noto sul mercato: la Grecia ha un problema di solvibilità, non di liquidità e nessun prestito potrà modificare la situazione, in assenza di misure drastiche o di aiuti a fondo perduto.

Dalla Spagna arrivano le considerazioni pessimistiche del presidente di BBVA, secondo colosso bancario iberico, secondo il quale i problemi di bilancio del governo spagnolo stanno spiazzando le aziende spagnole, per le quali il mercato dei capitali  si starebbe chiudendo. Nel frattempo,  è ai massimi storici l’ammontare  dei debiti del sistema bancario spagnolo verso la BCE, in teoria il prestatore di ultima istanza.

Itraxx S13 Levels Nota: Gli indici di credito sono quotati in spread (rendimento), come i tassi d’interesse. Un segno negativo equivale ad un miglioramento delle valutazioni del mercato, equivalente ad una salita degli indici di Borsa. Un cambiamento positivo è un segnale di peggioramento delle condizioni, equivalente al calo di un indice di Borsa.
Livello Var.ne da ieri
Main 128.75 +2.5
HiVol 188 +1.0
Crossover 585 +9.0
Annunci