La settimana, 26/2010

Altra settimana di vistose correzioni dei mercati azionari, dell’ordine del 4 per cento per gli indici europei e statunitensi, che chiudono un semestre di sofferenza. Continua la diffusa incertezza riconducibile alla crisi del debito sovrano europeo ed al rallentamento statunitense, criticità ovviamente interdipendenti. In Europa, la settimana ha visto forte nervosismo in relazione soprattutto alla scadenza della maxi operazione da 442 miliardi di euro di rifinanziamento a 12 mesi e tasso fisso della Banca centrale europea.

Continua a leggere “La settimana, 26/2010”