La settimana – 36/2010

Settimana dominata dall’annuncio della Fed, che conferma di essere pronta a procedere ad un nuovo round di easing quantitativo. Ciò ha causato, come prevedibile, un deprezzamento del dollaro, un rally dei Treasuries (lievemente ridimensionato a fine settimana, col recupero dell’azionario) e nuovi record storici per l’oro, sia pure espressi in dollari. La tempistica del nuovo intervento resta indeterminata, ma si scommette sulla seduta del Fomc di inizio novembre, praticamente contemporanea alle elezioni di midterm.

Continua a leggere “La settimana – 36/2010”

Annunci

La settimana – 35/2010

Settimana iniziata con mercati ottimisti, grazie all’approvazione definitiva delle linee-guida di riforma della vigilanza bancaria note come Basilea III. Tali misure, che dovranno essere ratificate dal vertice del G20  di Seoul, a novembre, rappresentano un compromesso tra esigenze di singole aree nazionali, e prevedono un graduale aumento della base patrimoniale a partire dal 2013, con rafforzamento degli strumenti azionari puri e la progressiva dismissione di strumenti ibridi. Saranno soprattutto le banche tedesche, come risaputo, a dove procedere a ricapitalizzazioni e probabilmente ad aumenti di concentrazione.

Continua a leggere “La settimana – 35/2010”

La settimana – 34/2010

Settimana caratterizzata dalla ripresa delle quotazioni azionarie e da un rimbalzo dei rendimenti sui titoli obbligazionari. In Europa, l’Irlanda ha deciso di procedere allo sdoppiamento di Anglo Irish Bank in due entità: una banca di deposito pienamente garantita dallo stato e l’equivalente di una bad bank, a cui saranno conferiti i titoli dell’attivo della banca.

Continua a leggere “La settimana – 34/2010”

La settimana – 33/2010

Prosegue il comportamento bipolare di mercati ed analisti, che alternano momenti di profondo pessimismo ad altri di quasi euforia. Questa settimana il pendolo si è decisamente orientato sulla ripresa, grazie anche al dato sul mercato del lavoro statunitense di agosto, che in realtà non evidenzia nessun particolare vigore ma si limita e sconfessare le previsioni più pessimistiche, alimentando quindi quello che potrebbe dimostrarsi nulla più che un relief rally.

Continua a leggere “La settimana – 33/2010”